Sigaretta elettronica fa male?

Sigaretta elettronica fa male?

Coloro che non hanno mai fumato non si pongono il problema ma, chi desidera smettere di fumare avrà iniziato a svapare. La sigaretta elettronica rappresenta infatti per molti un intermezzo per riuscire a eliminare la cattiva abitudine del fumo senza troppe sofferenze. Grazie a questo dispositivo si può sostituire l’aroma, la gestualità e provare allo stesso tempo quel senso di tranquillità che regalava la sigaretta; il tutto assumendo una quantità minore di nicotina. L’aumento di persone che hanno sostituito il classico pacchetto di sigarette con l‘e-cigarette e dunque il crescente interesse nei confronti di tutti quei liquidi aromatizzati utilizzati per farla funzionare hanno accentuato la diatriba tra coloro che sostengono che la sigaretta elettronica fa male.

Nello specifico ci si interroga sulle possibili conseguenze negative dei 7 mila ingredienti dei composti aromatici. Al momento non ci sono ricerche esaustive che riescano a propendere per una ragione o per l’altra. Ma è certo che la sigaretta elettronica ed i liquidi che utilizza sono meno dannosi nel breve periodo rispetto alla bionda tradizionale. Poiché non contengono le sostanze generate dalla combustione come monossido di carbonio o catrame. I liquidi dell’e-cig sono composti da glicerina vegetale e glicole propilenico, acqua demineralizzata e le sostanze che danno al liquido aromi diversi infine, la nicotina, presente solo in alcune tipologie di liquido e in diverse concentrazioni.

Il funzionamento

Contrariamente a quanto molti pensano il funzionamento di quella che viene definita sigaretta elettronica è completamente diverso rispetto alla sigaretta classica. Il ragionamento alla base è proprio l’opposto nonostante la gestualità sia identica. La sigaretta tradizionale è composta da un involucro di carta che racchiude un cuore di tabacco. I danni avvengono nel momento della combustione, quando infatti la sigaretta viene accesa si producono oltre 70 sostanze dagli effetti cancerogeni per l’uomo: catrame, monossido di carbonio, idrocarburi e molto altro. Questi elementi dannosi per la salute non favoriscono solo la possibilità di insorgenza del tumore ma danneggiano anche l’apparato cardio-circolatorio ed i polmoni. Ogni sigaretta comporta l’assunzione di 1-2 gr di nicotina. Sostanza che provoca l’aumento della pressione sanguigna e a livello neurologico è la responsabile della dipendenza dal fumo.

La sigaretta elettronica al contrario funziona in modo differente. Si ha infatti una batteria che riscalda l’atomizzatore, uno strumento che permette l’atomizzazzione del liquido e dunque è il responsabile della produzione del vapore acqueo. Cosa significa questo? Non essendoci combustione la sigaretta elettronica non produce tutte quelle sostanze dannose e potenzialmente cancerogene come il monossido di carbonio e le altre. Infine, per quanto riguarda la presenza di nicotina questa è contenuta nel liquido dell’e-cigarette. Ci sono però anche delle versioni del liquido che non la contengono. Chi si avvicina per la prima volta a questo strumento potrà trovare utile il manuale per la scelta del liquido che aiuta a prendere una decisione ben ponderata per quanto riguarda appunto il livello di nicotina da preferire.

La sigaretta elettronica fa smettere di fumare?

Comparsa sul mercato nel 2006 in poco meno di dieci anni la sigaretta elettronica ha conquistato oltre 2 milioni di persone. Ad oggi non ci sono ancora studi che possano confermare che la ecig provochi danni perciò è impossibile rispondere alla domanda: la sigaretta elettronica fa male? Certo è che chiunque abbia iniziato a svaporare ha abbandonato l’abitudine delle sigarette normali. L’e-cigarette infatti riproduce molti degli effetti del tabacco, nella composizione dei liquidi c’è una minima percentuale di nicotina. Il vapore acqueo che produce simula alla perfezione il fumo, la gestualità identica al fumare in modo classico aiuta molto ad abbandonare il vizio. Quello di cui la ecig è priva sono le sostanze cancerogene che si generano con la combustione e il catrame, completamente assenti anche gli idro-carburi e le nitrosamine.

Così come per le classiche sigarette nel pacchetto la sigaretta elettronica permette di scegliere la quantità di nicotina, preferendo un liquido aromatizzato rispetto ad un altro. Questo è opzione utile per riuscire a smettere gradualmente di fumare, diminuendo la quantità di nicotina assunta gradualmente. Proprio questa sostanza generando assuefazione rende difficile smettere di fumare. Questo è il motivo per cui moltissime persone sono riuscite con la sigaretta elettronica ad abbandonare il vizio. In sostanza coloro che già hanno il vizio del fumo trovano nella sigaretta elettronica un valido strumento utile al fine di smettere, quelli che invece iniziano a fumare seguendo proprio il trend della sigaretta elettronica svilupperanno una preferenza per quest’ultima.

Danni sigaretta elettronica: gli studi sull’ e-cig

Scienziati e studiosi dal momento in cui la sigaretta elettronica è entrata in commercio stanno conducendo numerosi studi sugli effetti della stessa sulla salute. Il professore Riccardo Pelosa dell’università di Catania ha infatti tranquillizzato gli svapatori affermando che al momento non ci sono studi che confermano che la sigaretta elettronica fa male. Affermando che la sigaretta elettronica provoca il 95% di danni in meno rispetto alla versione classica delle sigarette. Gli studi non sono chiari in quanto tutte le indagini non hanno dei riscontri reali a cui fare riferimento ma si basano esclusivamente sull’evidenza. Molti sostengono infatti che il vapore acqueo prodotto dalla ecig possa essere tossico producendo formaldeide. Ma nessuno studio riesce a confermare questa teoria poiché è impossibile produrre in laboratorio la temperatura identica a quella con cui il vapore viene prodotto dalla sigaretta elettronica.

Inoltre, il fatto che svapare non comporti combustione come avviene nella classica sigaretta allontana il fumatore dall’esposizione a sostanze potenzialmente tossiche. La presenza di nicotina poi è considerevolmente ridotta rispetto al fumo classico dunque anche i rischi legati a quest’ultima sostanza diminuiscono. Dal 2010 anno in cui si è assistito al boom commerciale della sigaretta elettronica le tesi e gli studi pubblicati dalle Università sono moltissimi ma nessuno di questi riesce a rispondere in modo certo alla domanda: le sigarette elettroniche fanno male? Sono necessari quindi dati a lungo termine che spieghino i pro ed i contro dell’uso dell’e-cig e gli effetti sulla salute. Una certezza è che la ecig è decisamente meno dannosa per la salute rispetto alle bionde tradizionali, dunque i primi studi sono a favore dell’e-cigarette.

Vantaggi della sigaretta elettronica: maggiori libertà

La sigaretta elettronica normativamente parlando offre maggiori vantaggi agli svapatori rispetto a coloro che fumano sigarette classiche. A livello normativo infatti per la sigaretta elettronica ci sono limitazioni minori, è possibile fumare anche quando c’è un gruppo di persone senza arrecare gli stessi disturbi tipici del fumo tradizionale. Sono numerosi poi gli studi che hanno confermato la minore incidenza del fumo passivo della sigaretta elettronica rispetto alla versione in pacchetto. Il vapore acqueo sprigionato non contiene sostanze tossiche come monossido di carbonio o catrame e dunque viene meglio tollerato. Una conseguenza diretta di queste limitazioni minori a livello normativo potrebbe essere l’aumento della quantità di liquido inalato con la ecig. Avendo maggiori opportunità di fumare. In questo caso però c’è da dire che ad entrare in gioco è proprio la capacità dell’individuo di sapersi regolare e gestire autonomamente.

Stessa capacità che può essere molto utile anche a coloro che fumano sigarette tradizionali. Numerosi studi hanno confermato che il fumo passivo generato dalla ecig è molto meno dannoso rispetto a quello del fumo. Oltre infatti alla minore quantità di particolato rilasciato nel vapore acqueo, i valori misurati in un ambiente chiuso dopo aver svapato spariscono in pochissimo tempo. Mentre quelli del fumo ci impiegano molto di più Occorrono infatti più di 50 minuti perché l’area di un ambiente chiuso torni pulita dopo aver fumato una sigaretta classica.

Risparmio economico

Chi fuma è consapevole della spesa cui si sottopone per acquistare un pacchetto di sigarette, spesa che non fa aumentare date le crescenti tassazioni sul tabacco. L’acquisto di un kit per la sigaretta elettronica invece completa di tutto il necessario per poter iniziare a svapare è molto più economico. Il boom di questi accessori infatti ha incrementato le proposte dei vari brand abbassandone i prezzi. La ecig è talmente diffusa ormai da consentire a tutti di trovare il liquido che meglio si adatta alle proprie necessita ed il giusto kit con pochi euro.

La sigaretta elettronica fa male? La sigaretta elettronica senza nicotina

Allo stato attuale l’unica possibile risposta da dare a coloro che affermano che il liquido della ecig fa male è che non ci sono studi che confermino tale affermazioni. L’unica cosa certa è che i vantaggi della ecig rispetto a quella tradizionale sono molteplici, in primis l’assenza di sostanze cancerogene provocate dalla combustione. Questo aspetto è particolarmente vantaggioso e da non sottovalutare in quanto riduce di molto il rischio di insorgenza dei tumori, e malattie respiratorio e cardio-vascolari. Non solo nei fumatori ma anche in tutti coloro che subiscono gli effetti del fumo passivo. Inoltre, la sigaretta elettronica rappresenta uno strumento valido per la lotta al tabagismo se intenso in tal senso.

Poiché può essere molto utile per eliminare l’assuefazione dalla nicotina riproducendo la stessa gestualità e socialità del fumo, componenti psicologiche che sono alla base del tabagismo. Chi vuole smettere di fumare trova nella sigaretta elettronica il supporto migliore a cui affidarsi rispetto a cerotti, spray e molti altri rimedi. Non fumare è la scelta ideale per vivere bene e in salute, ma se proprio non si riesce a smettere considerando la difficoltà di eliminare la dipendenza dalla nicotina, la sigaretta elettronica è meno dannosa. La ecig senza nicotina può essere l’alleato migliore nella lotta al tabagismo.

 

WWW.CIGABYTE.IT